Il nostro club ormai da 10 anni si impegna a divulgare e a far conoscere il softair. Una attività sportiva basata sulla simulazione di giochi tattici militari. Giunto oltre 20 anni fa in Italia, si sta diffondendo sempre più venendo praticato da tutte le età in modo più ludico o più agonistico a seconda delle associazioni sportive.
La nostra associazione ha uno scopo tanto semplice quanto importante: divertirsi, non tralasciando però il lato agonistico, organizzando e partecipando a tornei interclub. Se vuoi provare questo sport i Black Hands ti danno l'opportunità di farlo offrendoti fucile, munizioni e occhiali protettivi per la prima giornata.

NON SOLO SOFTAIR

Un po' di spirito combattivo con generoso impegno e dedizione da parte di un atleta o di una squadra nel corso di una competizione non guasta mai
Approfondisci
L'orientamento è una dote indispensabile nel softair. Ogni pattuglia deve avere al suo interno uno o più elementi addestrati per muoversi con sicurezza nell'ambente circostante.
Approfondisci
Preferiamo le attività all'aria aperta in boschivo, le vegetazioni estive / invernali dei nostri territori garantiscono realistiche simulazioni tattiche.
Approfondisci
I Black Hands collaborano a garantire il regolare svolgimento ed il rispetto delle regole di gioco nelle manifestazioni F.I.G.T. partecipando in qualità arbitro ufficiale a manifestazioni agonistiche regionali.
Approfondisci

MIMETICA DI SQUADRA

I BlackHands in occasione di gare o gemellaggi con club amici adotta un mimetismo comune adatto al tipo di vegetazione comune nei nostri boschi in uso presso il corpo dei Marines degli Stati Uniti introdotto a partire del 2003.

I NOSTRI VALORI

ONESTÀ

Nella vita ed in particolare in questo gioco non è possibile farne a meno. È imperativo rispettare le regole del gioco. Giochiamo con pallini di plastica, non proiettili veri. Quindi...

FRATELLANZA

Non si può giocare insieme se non si è un gruppo affiatato dove ci si fida l'uno dell'atro "Usque ad finem fratres!!"

COMPETIZIONE

Una sana competizione ci aiuta a raggiungere obbiettivi spesso difficili.

NESSUNA ESALTAZIONE!

Se sogni di fare Rambo, divertirti con "headshot", simulare "Hitman" sei nel posto sbagliato, non perdere e non ci fare perdere tempo...

DISCIPLINA

Non siamo ne un gruppo militare ne para militare ne tentiamo di esserlo ma, in campo, durante una giocata, ci si attiene alle istruzioni del tuo capo squadra o della figura più anziana. Essere predisposto al gioco di squadra ti aiuterà parecchio.

Araldica:

Perchè il simbolo della nostra associazione è la mano?

Le dita di una mano collaborano in sintonia per poter far funzionare l’insieme e svolgere ogni azione con facilità e sicurezza.

Un dito, da solo, non può prendere una pietra. Una mano, da sola, può prendere la pietra e può anche lanciarla“.

La filosofia della nostra associazione è semplice: “L’unione fa la forza!”. Questo detto lo ritroviamo in tantissimi aspetti della vita associativa: dalle decisioni che gli associati prendono durante le assemblee per far crescere il club, alle partite domenicali, alle tappe di campionato che ci rendono una squadra agonosticamente competitiva. Per noi il detto “Tutti sono utili ma nessuno è indispensabile” non esiste, poichè il bagaglio culturale che ogni associato porta con sè può aiutare il club ad andare avanti e crescere.

Per questo il nostro simbolo è la mano e il nostro motto è “Usque ad finem fratres” (Fratelli fino alla fine)

Desideri fare una giocata di prova

Desideri provare una giocata ma non possiedi assolutamente nulla? Noi mettiamo a disposizione replica, pallini ed occhiali protettivi; tu dovrai portare solo la tua voglia di divertimento

I RUOLI DI GIOCO

Incursore / Assaltatore

Ruolo dinamico, veloce, frenetico e adrenalinico. E' il ruolo in assoluto più diffuso dal momento che non necessita di particolari specifiche se non il movimento e il fuoco. Qualsiasi "normale fuciliere", nel softair, può essere definito Incursore/Assalto.
E' un ruolo prettamente da prima linea, a contatto diretto con l'avversario.
Ha particolari mansioni, eventualmente, in contesti urbani o in game specifici. Ad esempio può far parte dell'aliquota che irrompe per prima in un edificio, può prendere parte all'assalto diretto di un obiettivo/bandiera, può attraversare le "linee nemiche" e aggirare gli avversari.

show more

REQUISITI
Una buona prestanza fisica dettata dalla grande dinamicità del ruolo, aggressività (nel senso più sportivo-ludico del termine), assenza di paura nell'esporsi e/o eventualmente uscire dai giochi, mentalità pronta e reattiva a prendere decisioni in fretta e in condizioni sfavorevoli. Il tiro istintivo è la peculiarità di questo ruolo, averne padronanza può fare la differenza tra colpire o essere preso.

ASG
Corta, maneggevole, pratica e il più capiente possibile. Il doversi spostare velocemente e agevolmente tra rovi, rocce e coperture svantaggia repliche lunghe e pesanti. Caricatori poco capienti costringono a frequenti cambi caricatori, il che può significare non avere a disposizione volume di fuoco per far fronte a una minaccia avversaria.
Fucili come M4, HK416, G36C, AK47, FAMAS, L85, Steyr AUG, Mp5, SCAR, UMP e G3 SAS, sono ottimi per il ruolo. Un P90 con caricatore da 1500 è l'ideale (seppur farà storcere il naso a chi tiene alla simulazione). Repliche - poi - come M16, M14 e similari sono adeguate al ruolo ma non ottimali per via del peso e della lunghezza. Il tutto è comunque personale.

ACCESSORI
- Sistemi di puntamento come ACOG, EOTech, AimPoint o Red Dot in genere facilitano e migliorano l'acquisizione del bersaglio.
- Un grip verticale aiuta a distribuire meglio il peso e migliora la stabilità del tiro.
- Una torcia (con annesso remoto) è essenziale per partite in notturna e per abbagliare, in contesti urbani.
- Estrattori per caricatori (Magpul, paracord, ecc) e gemellatori facilitano e riducono il tempo di ricarica.
- Un puntatore laser facilita e velocizza la mira in contesti urbani o bui (rivelando però la propria presenza/posizione).
- Un silenziatore "incupisce" il suono, confondendo gli avversari da quale parte proviene ma prolunga l'arma, rendendola meno maneggevole.

fonte http://www.softairmania.it

comprimi

Scout

Ruolo altamente dinamico, di responsabilità, impegnativo ma - se fatto a dovere - sa dare grandi soddisfazioni.
Lo scout altro non è che il primo uomo della pattuglia, gli occhi e le orecchie di quest'ultima e il punto di riferimento del caposquadra. E' a lui che lo scout riferisce tutto ciò che vede e sente, in modo che possa decidere il da farsi nel migliore dei modi.

show more

Può anche essere destinato a compiti in solitaria, o comunque esterni alla pattuglia, come ricognizioni avanzate, aggiramenti dell'avversario o esca per imboscate.
Il saper muoversi, l'essere silenzioso e l'avere "fiuto" per intuire eventuali avversari nascosti sono le caratteristiche principali dello scout. L'intera pattuglia può dipendere dalle sue scelte ed è sua responsabilità (salvo diverse direttive del capopattuglia) di trovare la strada migliore sia in termini di percorribilità che di copertura.
Gli scout possono essere anche in due, sia per operazioni esterne alla pattuglia che in testa a quest'ultima. In questo caso la coordinazione della coppia deve essere massima.

REQUISITI
Una ottima prestanza fisica dettata dalla grande dinamicità del ruolo. Il sapersi arrangiare è fondamentale, dal momento che spesso deve contare solo sulle proprie forze. Attenzione, concentrazione e "fiuto" sono i requisiti principali.
Deve sapersi muovere a sbalzi - silenziosamente - correre, attendere, osservare, ascoltare e proseguire. Deve conoscere molto bene i segni manuali per potersi interfacciare con caposquadra e pattuglia, deve avere una buona comunicazione via radio, trasmettendo unicamente il minimo indispensabile.

ASG
Corta, maneggevole e pratica. Deve essere agile e veloce, soprattutto perchè - salvo casi eccezionali - non dovrebbe mai ricorrere all'arma. I suoi compiti, solitamente, sono di tutt'altra specie.
Fucili come M4, HK416, G36C, AKSU, Steyr AUG, HK53, Mp5, SIG 552, Mp7, UMP, P90, F2000 e G3 SAS, sono ottimi per il ruolo.

ACCESSORI
- Sistemi di puntamento come EOTech, AimPoint o Red Dot in genere facilitano e migliorano l'acquisizione del bersaglio.
- Un'ottica (anche con basso fattore di ingrandimento, come un ACOG) può rivelarsi utile anche per ricognizioni o per distinguere sagome sospette.
- Un grip verticale aiuta a distribuire meglio il peso e migliora la stabilità del tiro.
- Un silenziatore "incupisce" il suono, confondendo gli avversari da quale parte proviene ma prolunga l'arma, rendendola meno maneggevole.
- Un calcio pieghevole è l'ideale per avere la massima mobilità, soprattutto nei passaggi angusti.

fonte http://www.softairmania.it

comprimi

Mitragliere / Supporto

Il nome dice tutto: armi pesanti e soprattutto capienti, a supporto dell'assalto e della pattuglia intera.
Il supporto è un ruolo fondamentale che provvede a fornire copertura, fuoco di saturazione e appoggio sia in caso di imboscate, che di attacchi, che di ritirate.
E' l'uomo al quale ci si affida per spostarsi da una copertura all'altra e che fa "stare giù" gli avversari mentre il resto della squadra aggira le loro coperture, conquista l'obiettivo o si ritira in sicurezza.

show more

REQUISITI
Forza fisica e resistenza semplicemente per poter portare a lungo un'arma pesante e abbastanza caricatori/munizioni da poter adempiere al proprio compito efficacemente.
Del resto deve sapersi coordinare con la pattuglia ed essere affidabile nel dare man forte quando ce n'è bisogno.

ASG
Non importa se a canna lunga o corta, se leggera o pesante, se comoda o ingombrante; l'unica cosa che conta è quanti pallini può contenere e, di conseguenza, sparare.
Le armi da supporto per eccellenza sono mitragliatrici come Minimi e M60 ma nel softair la differenza tra fucili d'assalto e da appoggio - in termini di capacità/efficacia - non è così grande, dal momento che un normalissimo caricatore da AK può contenere 600 colpi. Quindi più dell'ASG in sè, conta il caricatore che può portare.
Caricatori a tamburo (magari elettrici) montati su una qualsiasi replica, rendono quest'ultima adeguata al ruolo: per questo un P90 con caricatore da 1500 è la replica definitiva per ogni supporto.
In linea di massima (mantenendo un minimo di realismo) le ASG migliori per lo scopo sono: M249, M60, RPK, MG36, MK43 e mitragliatrici in genere.

ACCESSORI

- Una cinghia da trasporto è uno strumento fondamentale per facilitare il movimento e la distribuzione del peso dell'ASG.
- Il caricatore deve essere il più capiente possibile.
- I pallini possono essere di una grammatura anche inferiore al classico 0.25, di grammatura 0.20 vanno benissimo. Caratteristica fondamentale, visto il volume di fuoco, è che siano biodegradabili.
- Sistemi di puntamento senza fattore di ingrandimento sono l'ideale ma si tende a puntare più sulla quantità che sulla precisione.
- Preferire batterie di basso voltaggio che mantengano un ROF basso o si rischia di finire velocemente un caricatore anche molto capiente.

fonte http://www.softairmania.it

comprimi

Cecchino / Sniper

Lo sniper è colui che, armato di fucile di precisione, attua fuoco selettivo per eliminare gli avversari.
Al contrario del supporto, fa della qualità - anzichè della quantità - la sua filosofia di tiro.
Nascondersi, camuffarsi, sapersi occultare, essere silenziosi, mantenere un costante basso profilo e piazzare pochi, mirati colpi, sono le mansioni del cecchino.
Nel softair, questo ruolo è pesantemente penalizzato dai limiti imposti nella gittata delle armi, avendo la medesima portata di chiunque altro, anche di una semplice pistola.

show more

Ma è proprio questo a rendere le peculiarità proprie dello sniper ancora più importanti: perchè sapersi occultare dalla vista di avversari distanti centinaia di metri è difficoltoso, a poche decine di metri - invece - diventa veramente impegnativo. Se a tutto questo aggiungiamo il rischio (reale, per quanto in buona fede) che l'avversario non si accorga nemmeno del nostro singolo colpo, si arriva al limite della frustrazione.
Ma è forse il ruolo per eccellenza che - forse proprio per le sue molteplici difficoltà - sa regalare adrenalina ed emozioni. Si rischia di attendere, immobili per ore, avversari che non arriveranno mai oppure di farsi centinaia di metri strisciando per poi essere visti (ed eliminati) a pochi metri dall'obiettivo; ma quando si riesce, anche una sola volta, a portare a termine il proprio compito o il proprio - unico - tiro, magari senza nemmeno essere visti o sentiti, la soddisfazione ripaga di tutti i fallimenti passati.
Necessita di costanza, morale alto e pazienza. Ma sa ripagare debitamente gli sforzi fatti.

REQUISITI
I requisiti, a differenza di quasi tutti gli altri ruoli, non sono prettamente fisici, bensì mentali: saper attendere, non esporsi alla prima occasione e avere sangue freddo sono le caratteristiche principali.
Avere la pazienza di attendere il momento giusto (che probabilmente non arriverà mai), di percorrere grandi distanze strisciando e con cautela, di compiere ogni movimento lentamente e con attenzione, questi sono i requisiti principali dello sniper.

ASG
La caratteristica sicuramente più importante per uno sniper è la precisione. Una replica che non soddisfa questo requisito, non è da prendere nemmeno in considerazione. Dal momento, però, che basta colpire qualsiasi parte del corpo per eliminare un avversario, non deve essere per forza precisa al millimetro, certo è che maggiore è la precisione, meglio è.
Di pari passo con la precisione, va la silenziosità. Un'arma silenziosa permette di non rivelare la propria posizione e, di conseguenza, di poter ripetere un colpo sbagliato/non sentito o di poter colpire più avversari a portata di tiro.
Si possono optare per due soluzioni d'arma, nel ruolo: elettriche o bolt action.
Le prime hanno il grande vantaggio di poter rimanere "stand alone": non serve un'arma di backup per quando ci si sposta, in caso di emergenza si può sparare in full-auto e si può sparare colpi di precisione in rapida successione grazie al semi-automatico. Di contro, però, peccano in silenziosità e - in generale - sono meno precise delle controparti a caricamento manuale.
Le repliche bolt action, invece, possono arrivare ad essere estremamente silenziose, sono solitamente più precise ma peccano in volume di fuoco. Incamerare un colpo implica movimento che potrebbe essere individuato e non si ha sfida se, nello spostarsi, s'incontra un fucile automatico. Una buona arma di backup (che può essere un Mp7, un UMP, un Uzi, una pistola elettrica o qualsiasi cosa equivalente) può compensare il problema a scapito della comodità/mobilità.
La scelta è totalmente personale.
Repliche elettriche adatte al ruolo possono essere: PSG-1, G3 SG1, SVD Dragunov, MK11, G36E, M14, SIG 550, MSG 90, SL9, Steyr AUG (pesantemente silenziabile) o, volendo esagerare, un Barrett M82A1.
Repliche bolt action: VSR (meglio G-Spec), APS, M24, M40, M700, L96.

fonte http://www.softairmania.it

comprimi

Osservatore / Spotter

Lo spotter è il "migliore amico" dello sniper. Non esiste spotter senza sniper.
L'osservatore, nel real-warfare, aiuta il tiratore nel coordinare i tiri, munito di telemetro stima le distanze in tempo reale, misura il vento, la temperatura, l'altitudine e il tempo di volo del proiettile; è un esperto di balistica e informa il tiratore su come collimare l'ottica per ottenere un tiro perfetto.
Tutto questo nel softair non è necessario, se non a livello simulativo, viste le distanze d'ingaggio molto ridotte.
Lo spotter, però, copre tutti gli altri compiti che, nei conflitti reali, deve ricoprire: aprire la strada allo sniper quando sono in movimento, coprirne l'esfiltrazione in caso di ingaggio e assicurarsi che il tiratore possa compiere il suo lavoro in tranquillità.

show more

REQUISITI
I requisiti dello spotter non sono per nulla proibitivi: chiunque può intraprenderne il ruolo.
Serve "solamente" tanto spirito di sacrificio (il compito principale lo svolge quasi sempre il tiratore), tanta pazienza e il sapersi arrangiare nel caso il cecchino venisse eliminato. Da questo ne deriva un senso di responsabilità nei confronti di quest'ultimo che deve diventare a tutti gli effetti il proprio "protetto".

ASG
Una sola caratteristica è necessaria: massimo volume di fuoco. Di conseguenza qualsiasi arma adatta all'assalto o, eventualmente, al supporto, può adempiere il compito.
Un lanciagranate può intimorire un'avanzata aggressiva e un ROF elevato può tenere lontano diversi avversari.

ACCESSORI
Valgono gli stessi accessori adatti all'assalto.
- Dispositivi anti-uomo ad area come claymore e mine sonore sono perfette per il compito di copertura del tiratore.

fonte http://www.softairmania.it

comprimi

il nostro direttivo

Squadra

ALBO D'ORO

Come ogni associazione sportiva sentiamo il bisogno di metterci alla prova, partecipando a gare ed eventi agonistici.

Setup

Come ogni sport, anche nel softair, è necessario un abbigliamento adatto oltre ad un insieme di accessori utili e spesso indispensabili sia per la tua sicurezza che per portare al massimo la tua esperienza nel gioco.
Elmetto o cappello Occhialini Maschera ASG Guanti Guanti Guanti Abbigliamento Tattico Abbigliamento Tattico Abbigliamento Tattico Abbigliamento Tattico Gilet tattico e gibernaggio Gilet tattico e gibernaggio Gilet tattico e gibernaggio Gilet tattico e gibernaggio Abbigliamento Tattico Anfibi Anfibi Orologio e GPS Caricatori di riserva

Clicca sulle parti dell’equipaggiamento

Descrizione:


Elmetto o Cappello Maschera Zaino e Camelback Gilet tattico e gibernaggio Abbigliamento tattico ASG ASG secondaria Abbigliamento tattico Anfibi Anfibi

Vuoi sapere come unirti a noi?

Sono aperte le iscrizioni per il nuovo anno associativo 2018/2019!

Se vuoi provare questo sport senza impegno, se vuoi passare una domenica diversa, se vuoi conoscere nuovi amici, contattaci!!

Contattaci:
Email: infoblackhands@gmail.com

o visita i notri profili Instagram e Facebook

Contattaci , ti risponderemo il prima possibile